Primarie: non ho voglia di votare

Per molte ragioni ho sempre desiderato che i partiti del centro sinistra superassero le loro divisioni (spesso più formali che sostanziali) per formare un partito unico, magari pluralista ma unico…

Ora però che questo in qualche modo sta accadendo non mi sento parte del progetto, non mi sento coinvolto in nessun modo e soprattutto quello che sta accadendo in questi mesi durante il cammino verso questo nuovo partito mi lascia molto perplesso.

Non riconosco i metodi, non riconosco i modi, non mi piacciono le parole, ritengo inopportune le esclusioni

In sintesi, per ora non ho nessuna voglia di votare…

Non sono disposto a muovermi solo per certificare una scelta fatta da altri, e forse non sono disposto neanche a votarlo in un’elezione politica questo “nuovo” partito.

E non mi rimane niente da votare.

Partitini della sinistra arcaici e privi di concretezza, fissati su schemi mentali che forse avevano un senso molti decenni fa.

A destra non ne parliamo, pur riconoscendo in alcuni una certa intelligenza politica, anche turandomi il naso non riuscirei a votare gente che siede sugli stessi banchi di personaggi che disprezzo dal profondo del cuore.

La voglia di stare a casa è tanta. E non credo di essere il solo.

By |2016-10-19T09:38:45+00:00agosto 5th, 2007|Blog, Personale|0 Comments

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi