Non ti picchio, non ti urlo, ma ti odio

http://commons.wikimedia.org/wiki/Image:Crying_boy.jpgVa bene accettiamo pure, a malincuore, l’asserto che un bambino non debba essere picchiato neppure per scherzo, neanche con uno scapaccione simbolico.

Questo produrrebbe il famoso circolo vizioso punizione/paura/vendetta.

Ma se questo è vero allora deve essere bandita qualsiasi forma di punizione. Niente urli, niente strilli, niente rimproveri (forse che i rimproveri non sono punizioni?), niente paghette dimezzate, niente cinema annullato, niente!

Può darsi che sia il metodo migliore per allevare persone perfettamente equilibrate, gentili, non violente, sicure di se e intelligenti.

Ma allora perchè tutti quelli (almeno nella mia esperienza) che cercano di adottare questa tecnica si ritrovano a trattare con dei figli indisciplinati, arroganti, prepotenti, e diciamolo, anche un po stronzi?

Ma soprattutto, chi pensa alla sanità mentale di noi genitori? Mi ricordo una volta che feci un’osservazione su un rimprovero fatto da mia moglie a mia figlia, lo ritenevo inutile rispetto all’obiettivo di modificare il comportamento di quest’ultima. Lei mi rispose: “Si, lo so, ma almeno ora mi sento meglio IO!”

Cosa dobbiamo quindi fare noi genitori?

Non ti picchio, non ti urlo, ma ti odio, ti odio, ti odio…..

By |2016-10-19T09:38:45+00:00agosto 5th, 2007|Blog, Personale|0 Comments

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi