Impressioni di lettura: “Sottrazione” di Carlo Sperduti

sottrazioneEccomi a parlarvi del secondo libro della Gorilla Sapiens che ho letto quest’anno. Anche in questo caso si tratta di una raccolta di racconti. Non è affatto un caso, io amo i racconti e a quanto pare anche questo editore non disdegna come tanti altri questa categoria della letteratura. Si tratta del primo assaggio di questo autore, che ha pubblicato numerose altre opere sia con la Gorilla che altrove.

Ci sono due cose che legano i racconti così raccolti, la prima delle quali è apertamente dichiarata, persino nel titolo. Le storie sono infatti ordinate in base alla loro lunghezza, partendo dal racconto più lungo per andare avanti decrescendo fino al più corto. Una continua e progressiva sottrazione di parole e caratteri, appunto. Questo tutto sommato mi pare solo un pretesto, ma se lo è, resta comunque un pretesto ben pensato.

La seconda cosa che unisce questi racconti è lo stile molto caratteristico dell’autore. Voi direte forse che questo è sempre vero, ma in questo caso, ve lo assicuro, lo è particolarmente. Uno stile che potrà piacervi o meno, ma che, ci scommetto, sicuramente non passerà inosservato.

Carlo Sperduti gioca molto con le parole. Le manipola, ma se ne fa anche gioco. Così come gioca e si fa gioco di avvenimenti e varia umanità. In alcuni racconti, forse per mia mancanza, non ho trovato null’altro che il gioco delle parole e delle situazioni, non riuscendo ad afferrare un eventuale senso più profondo. Altri mi hanno colpito di più per il loro contenuto, la storia, i personaggi. Tutti sono divertenti, con gradazioni diverse. In certi casi mi ha ricordato un po’ Bergonzoni, e sono quelli che mi hanno affascinato di meno. In altri sono rimasto colpito dall’idea, dalla rappresentazione umana, confezionata e incastonata in così brevi racconti.

Il libro insomma mi ha divertito e incuriosito abbastanza da farmi venire voglia di leggere altre storie di questo autore. Non saprei dire a chi consigliare la lettura di questo libro, se gradite i giocolieri di parole, come il già citato Bergonzoni, se vi piace l’ironia, è probabile che lo troviate gradevole.

#GorillaSapiens #CarloSperduti #ImpressioniDiLettura #leggere #libridaleggere

By | 2016-10-19T09:37:46+00:00 agosto 21st, 2016|Blog|0 Comments

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi