Impressioni di lettura: Il Mastro del Labirinto (Storie di Okkervill, #3)

mastro del labirintoEccomi a commentare il terzo capitolo di una serie che probabilmente è tutt’altro che conclusa. Stavolta non è il nostro vecchio nanaccio cornuto a fare da protagonista, ma ci troviamo alle prese con le (dis)avventure di un elfo nero, dal carattere, ahimè, non troppo diverso.

Diego ha un debole per i personaggi asociali e controversi e si diverte a metterli in situazioni assurdo, divertenti per il lettore ma decisamente stressanti per i suoi personaggi. Questa non fa eccezione, anzi a vedere bene credo che sia dei tre capitoli quello che più maltratta il protagonista, a partire dalla sua maggiore disgrazia: non potersi ubriacare. Capite bene che un essere così menomato non può che vivere una vita d’inferno, sempre alla ricerca del liquore che possa finalmente inebriarlo e dargli quell’oblio così prezioso e tuttavia così irraggiungibile.

Per il resto abbiamo la solita ironia pungente, una fantasia nel creare scenari che si limita a fatica e un pizzico di delirio. Personalmente avrei preferito un altro finale, ma ho come l’impressione che di questo elfo sentiremo ancora parlare…

By | 2016-10-19T09:37:51+00:00 luglio 9th, 2016|Blog|0 Comments

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi