Chiedere è facile, dare un po’ meno

Ieri ho trovato nella posta uno dei tanti appelli di change.org, quelli dove se concordi con la petizione entri e metti la tua pregiata firma. Quello che mi ha colpito non è il caso in sé, quanto il nostro comportamento.

Si tratta di una donna che descrive una situazione umana piuttosto delicata, e chiede aiuto per convincere la banca dalla quale aveva ottenuto tempo addietro un prestito a non pignorarle la casa. Tralasciando la necessità di verificare la storia, la daremo per buona.

Se analizziamo il problema non possiamo che essere solidali, c’è da una parte un debito relativamente piccolo, circa 12 mila euro, e dall’altra una casa che la banca vorrebbe pignorare per rientrare. La richiesta fatta alla banca è quella di sospendere la procedura e avere pazienza.

Vado a vedere e trovo già oltre 12 mila firme. 

Be’ non so voi, ma il mio primo pensiero quando ho letto l’appello, prima ancora di andare a vedere il sito, è stato quello che un debito di quella portata con un po’ di solidarietà si poteva anche ripagare, o diluire in qualche modo.

Superate le 10 mila firme la signora in questione ha inserito, forse consigliata da qualcuno dei sostenitori, la possibilità di donare soldi per aiutarla, tramite indiegogo. Se ricordo bene come funziona change.org, tutti quelli che hanno firmato sono stati avvisati di questa possibilità.

Questa cosa ci consente di osservare un fenomeno interessante. Abbiamo un debito di 12 mila euro e 12 mila persone che hanno firmato un appello alla banca per rinunciare al pignoramento. Avremo ora 12 mila persone che donano un euro e risolvono definitivamente il problema della signora? 

Io sono pronto a scommettere di no, perché chiedere (alla banca) è facile, ma donare (soldi propri) lo è molto meno. Anche quando sono spiccioli.

Spero di avere torto, vi prego, smentitemi.

By | 2016-10-19T09:38:09+00:00 luglio 31st, 2014|Blog, Personale|2 Comments

2 Comments

  1. Daniele 04/08/2014 at 22:47 - Reply

    ATTENZIONE, Conosco bene la situazione di Laura Bernoldi e vi assicuro che le cose non stanno come vi ha raccontato! Ha uno stipendio, lavora regolarmente con un impiego a tempo indeterminato all’ospedale Maggiore di Parma. Nessuno le sta vendendo la casa!!!! Sono tutte balle per trovare dei soldi. C’e’ chi e’ veramente nella merda e lei non lo e’ di certo. Qui c’e’ qualcosa sotto e ci stanno marciando in tanti e se la ridono di gusto. Provare e chiedere alle banche e alla dirigenza dell’ospedale Maggiore, ve ne racconteranno delle belle!!!! Purtroppo c’e’ chi e’ malato di tumore paga il suo mutuo e piange lacrime amare ogni sera… pensate ai soldi che di possono spillare dal web in questo modo. Ci si sistema per sempre e non se ne accorge nessuno!!!!!

    • mario 04/08/2014 at 22:52 - Reply

      Questa possibilità esiste sempre, infatti l’avevo anche ventilata nel mio articolo. Il punto in questo caso non era tanto sul caso in se, e se fosse vero o meno, quanto sull’abitudine che abbiamo preso di elargire con estrema facilità i nostri “mi piace”, le nostre “firme”, senza mai tuttavia impegnarci concretamente. E il primo passo che si fa quando si decide di impegnarsi è quello di verificare. Ora tu mi dici una cosa piuttosto grave, se così fosse ci sarebbero gli estremi per una denuncia, credo. Tu conosci personalmente la persona in questione?

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi